Realistički umjetnik

Artemisia Gentileschi

Pin
Send
Share
Send
Send



Artemisia Gentileschi, (rođen 8. srpnja 1593., Rim, Papinska država [Italija] - umro 1652/53, Napulj, Kraljevina Napulj, Talijanska slikarica, kći Orazia Gentileschi🎨a, velikog sljedbenika revolucionarnog baroknog slikara Caravaggia. Bila je važna zagovornica druge generacije Caravaggijevog dramatičnog realizma. Učenica njezina oca i prijatelja pejzažnog slikara Agostino Tassi, slikala je najprije u stilu koji se nije mogao razlikovati od očevog ponešto lirskog tumačenja Caravaggiova primjera. Njezino prvo poznato djelo je Susanna i Stariji (1610) Ished, ostvaren posao koji se dugo pripisivao njenom ocu. Ona je također nacrtala dvije verzije scene koje je već opisao Caravaggio🎨 (ali nikad nije pokušao njezin otac), Judith Beheading Holofernes (c. 1612-1613; c. 1620).
Tassi ju je silovao, a kad nije ispunio svoje obećanje da će je oženiti, Orazio Gentileschi🎨 ga je 1612. godine doveo pred sud. Tijekom tog događaja sama je bila prisiljena svjedočiti pod torturom. Kratko nakon suđenja udala se za firentinca, a 1616. pridružila se Firencijskoj akademiji dizajna, prvoj ženi koja je to učinila. Dok je u Firenci počela razvijati svoj poseban stil.
Za razliku od mnogih drugih umjetnica 17. stoljeća, specijalizirala se za povijesno slikarstvo, a ne za mrtve prirode i portrete. U Firenci je bila povezana s sudom u Medićima i naslikala jedno Alegorija sklonosti (c. 1616) The za seriju freski u čast Michelangelo the u Casa Buonarotti. Njezine su boje briljantnije od oca, a nastavila je koristiti tenebrizam popularan od Caravaggia dugo nakon što je njezin otac napustio taj stil.
Artemisia Gentileschi🎨 je neko vrijeme bila u Rimu i također u Veneciji. Oko 1630. preselila se u Napulj, a 1638. stigla je u London, gdje je radila zajedno s ocem za kralja Karla I. Surađivali su na stropnim slikama Velike dvorane u Kraljičinoj kući u Greenwichu. ostala je u Londonu još nekoliko godina. Prema njezinom biografu Baldinuccu (koji je svoj život pridodao životu njezina oca), slikala je mnoge portrete i brzo nadmašila očevu slavu. Kasnije, vjerojatno 1640. ili 1641., nastanila se u Napulju, gdje je naslikala nekoliko inačica priče o David i Bathsheba, ali malo se zna o posljednjim godinama njezina života. | © Encyclopædia Britannica, Inc.




































Nacque a Roma l'luglio 1593, figlia del pittore Orazio🎨 di di Prudenzia di Ottaviano MontoniWard Bissell, 1999, str. 135 s.). 1605 la Gentileschi perse la madre; il suo apprendistato artistico dovette iniziare poco dopo, ed ebbe luogo interamente a Roma, nella bottega paterna.Lì cominciò a razlikovati verso il 1608-09, giusta l'indicazione contenuta u una lettera del 3 luglio 1612 che Orazio inviò a Firenze alla granduchessa di Toscana.Nella missiva egli asserì che la figlia esercitava gi da da tre anni la professione della pittura, e con tanto profitto che ne v'era maestro attivo a Roma che fosse superiore.Recando la firma e la data 1610, il notevole dipinto raffigurante Susanna e i vecchioni🎨, konzervatorija Muzeja di Pommersfelden u Bavieri, koji se može uzeti u obzir kao primarni proizvođač hrane, bez obzira na to je li riječ o kritičnom piću ili pak dodatku za konzervaciju. che essa presenta: "Artimitia / Gentileschi f (ecit) / 1610".Prikazuje se da je Settecento, ali da je iščašenje Orazio, da je dobro razmisliti o tome da li ste spremni za rad s figurama. 'evolucija stilistica della pittrice, ne meno che al grado di raffinatezza e maturità dimostrato dalla tela. Quest'ultima valutazione traeva in passato maggior forza dalla generale uvjeriti che la Gentileschi fosse nata nel 1597 (dolaze Orazio, u modo interessato, sostenne nel 1612 al proceso po stupro contro Agostino Tassi): uvjerljiva osoba koja je odgovorila na pitanje nije li uključena u natječaj za dijete i piliće koje su očekivale quattro anni.Il bel nudo femminile, nonché la ponderata kalibracija narrativa e psicologica che caratterizza la messa in scena dell'episodio biblico, militano peraltro pienamente favore dell'attribuzione alla Gentileschi; ed occorre ancora sottolineare che l'iscrizione sulla tela i risultata autentica all'analisi dei raggi ultravioletti.Ciò ne vieta di prendere u razmatranju l'ipotesi di un ausilio di Orazio, u potrazi za esejom da se dokaže di esordio della figlia.Nonostante il succedersi delle proposte atribucija e delle ricostruzioni cronologiche, sono ben pochi i dipinti - e per di più nessuno documentato - radunati con generale consenso a formare nukleo delle opere eseguite dalla Gentileschi fra il 1610-1612, durante il suo primo periodo romano.Si tratta della Madonna col Bambino🎨 della Galleria Spada di Roma; della tela d'analogo soggetto i assai prossima stilisticamente (ma neppure universalmente riconosciuta alla pittrice), konzerva nella Galleria Palatina di Firenze; a della Giuditta che decapita Oloferne🎨 del Museo nazionale di Capodimonte Napoli.Sul finare del quarto decennio del Seicento, la della Galleria Spada passada dall'originaria proprietà di Alessandro Biffi alla famiglia Veralli, a di lì a pochi anni entrò della collezione di Orazio Spada. U pasoaru se nalazi atraktivna osobina koja se može pohvaliti, a ona će se moći pohvaliti, ali će Giovanni Francesco Guerrieri biti Giovanni Baglione. Ja ću se pobrinuti da intervenira u publikaciji koja će se baviti umjetnošću Biffija, datato 22 dic. 1637, na cui, fra i "Quadri spettanti all'heredità Veralla", è citata"Una Madonna d'Artemisia Gentilesca con il putto u braccio".Ni ci sono elementi sicuri intorno svi cirkostanze che hanno condotto alla realizzazione della Giuditta e Oloferne del Museo di Capodimonte, i opcenito se oslanjaju na verziju koja je ujedno i sastavni dio Lomi. sin quasi distaccata, la tela costituisce una delle opere emblematiche della pittrice; opera rappresenta una traduzione visiva del tema di ragguardevole sottigliezza psicologica, e rivela una meditazione assai personale sulle opere romane del Caravaggio (Michelangelo Merisi) pješčane dramaturške i raskošne šetnje (u primiru Giuditta realizzata za Ottavio Costa, oggi nella Galleria nazionale d'arte antica di Palazzo Barberini a Roma).
Prošlo je 1611. i prošlo je 1612. godine u središtu grada, gdje se nalazi sveobuhvatna cjelina, biografija Gentileschi, a za one koji su zainteresirani za profesorsku praksu, kao i za osobnu karijeru: la violeta commessa nei suoi confronti da Agostino Tassi, col processo susseguente, destinato a un'eco vasta nella Roma dell'epoca i perfino maggiore negli studi degli ultimi zbog desetljeća del secolo scorso.Lo stupro avvenne nel maggio del 1611. Per ragioni che certamente non furono estranee alla zaključak e all 'avvenuto saldo di va im imi impegni di lavoro svolti u comune con Tassi, fu solo nel marzo del 1612 che Orazio decise di indirizzare una petizione papa Paolo V po sporgere denuncia contro il suo kolega.L'accusa fu di avere violentato e deflorato sua figlia Artemisia (e di anvere continuato ad abusarne per mesi) nella loro abitazione in via della Croce, avvalendosi della complicit d dell'amico Cosimo Quorli, funzionario papale, i un potvrda Tuzia, vicina di casa e prigodno badante della giovane.Quorli fu accusato anche di avere a sua volta tentato di stuprare la Gentileschi e di avere sottratto ai Lomi alcune tele, fra cui una raffigurante Giuditta, non identificabile con certezza. Secondo la narrazione di Orazio e della Gentileschi, dopo la violenza Tassi aveva fatto una promessa di matrimonio, negando sempre d'essere già sposato.Attraverso l'imponente documentazione relativa al procedimento giudiziario e alla trama di accadimenti che ne costituirono il corollario, si può ben percepire la tortuosità che caratterizzò lo svolgimento del processo (Arch. di Stato di Roma, Tribunale kriminale del Governatore, Processi del XVII secolo, vol. 104, cc. 270-447; Lapierre, str. 410-438; u Cavazzini, Orazio e A. Gentileschi, str. 432-445) .Il clima fu costantemente intorbidato (oltre che dalla natura stessa degli eventi, e dalle strette relazioni che legavano, si pu dire ,t, la totalità dei personaggi u qualche modo implicati nella vicenda) dall'impiego di testimoni addomesticati, pronti a esporsi all'accusa di falsa testimonianza i calunnia pur di gettare discredito e minare l'onorabilità della Lomi.Fra sviluppi contraddittori, colpi di scena e momenti drammatici (la Gentileschi fu persino interrogata sotto tortura), il 27 nov. Godine 1612. godine izašao je u posjetu Tassiju, a nakon toga je došlo do kašnjenja i klanjanja u gradu, u alternativi, i to u Rimu. Il pittore optò per l'esilio; ma si ha motivo di ritenere che la pena ne fu effettivamente scontata.Il 29 nov. 1612. gusto il giorno uspjeh alla ratifica della sentenza definitiva di condanna del Tassi, la Gentileschi (u ossequio i rita sociale riparatore, decisamente prilično per la morale dell'epoca) si unì u matrimonio nella chiesa di S. Spirito u Sassia col fiorentino Pierantonio Stiattesi.Poiché nel dicembre uspješna potraga za uspjehom koncepcije i procjenecolui che aveva aiutato Orazio je redigere l'istanza di denuncia contro Tassi), con la quale lo delegava alla cura di tutti i suoi affari economici a Roma, sembra chiaro che la coppia (la cui unione - pura convenienza, si direbbe - sarebbe naufragata nel giro di qualche anno) Scelse di trasferirsi nella città natale di lui gi all all'inizio del 1613.Il 20 seldere dello stesso anno nacque Firenze il primo figlio della Gentileschi, Giovanni Battista; avrebbero fatto seguito il secondogenito Cristofano, l'8 nov. 1615, e le figlie Prudenzia (Na slici se mogu vidjeti Palmira1 ° ag. 1617, e Lisabella, il 13 ott. 1618. (morta il 9 lipanj 1619) .La permanentenza in Toscana non fu avara di soddisfazioni per la Lomi. Nel 1616 la pittrice raggiunse un prestigioso riconoscimento della sua maestria, ottenendo, il 19 luglio, l'ammissione all'Akademia del disegno di Firenze, istituzione presso la quale sarebbe rimasta iscritta fino al 1620. Firenze, inoltre, la Gentileschi ebbe modo di Uvjerite se da su naši osobni i profesionalni djelatnici u Galileo Galilej i Michelangelo Buonarroti il ​​Giovane.Proprio quest'ultimo le Commissionò un'opera per casa Buonarroti, destinata a restare il solo punto fermo artistico, sotto il profilo cronologico e documentario, del periodo fiorentino della Gentileschi: l'elegante e luminosa Allegoria dell'Inclinazioneil 20 ag. 1616 L'opera risulta essere stata consegnata e saldata, a un compenso total, assai generoso, di 34 fiorini) .A dispetto dei molti riscontri dokumentari che provano, soprattutto tra il 1618 i 1620, il solido legame della Gentileschi con l'attività mecenatistica di Cosimo II de 'Medici (nessuno dei quali, peraltro, chiaramente riconducibile a opere esistenti), kvazi tutti i dipinti riferiti all'attività della Gentileschi u Firenci mancano di elementi sicuri di datazione.La S. Cecilia della Galleria Spada di Roma, dolaze già la Madonna col Bambino konzerva nello stesso museo, proviene dalla kolekcija di Alessandro Biffi.Le mišljenje i della critica sulla cronologia di questo dipinto oscillano tra la véerete del primo periodo romano e la fine del soggiorno fiorentino.Pogledajte piuttosto uniformemente all'interno del corpus fiorentino della Gentileschi sono invece le tele raffiguranti:
  • una Santa Martire (forse un Autoritratto) in collezione privata;
  • la celebre, Giuditta con l'ancella della Galleria Palatina di Firenze;
  • la Suonatrice di liuto (forse un altro Autoritratto) di Minneapolis, galerija Curtis;
  • la S. Caterina d'Alessandria della Galleria degli Uffizi di Firenze;
  • La Conversione della Maddalena, čista nella galerija Palatina di Firenze (firmata).
Isto tako, možete pogledati sve podatke o fiorentini u cijeloj zemlji, kao što je to slučaj s dečkom u Velikoj Britaniji, tvrtkama i drugim osobama iz Cosimo II i Galleria degli Uffizi.Il Giaele i Sisara del Museo delle belle arti di Budapest, infine , recando la firma i podaci 1620, cijene i usluge koje se odnose na provjeru ligamenta gentilskog lijeka Gentileschi alla fine di otto intensi anni di lavoro nella capitale del Granducato di Toscana e contatti con gli artisti ei committenti locali.Certamente l'esperienza fiorentina coincise con un affinamento di mezzi stilistici i intent espressivi della Gentileschi, che elaborò i suoi punti di riferimento già consolidati verso una maniera più classica, sontuosa coloristicamente e preziosa nelle sue componenti decorative.Anche evitando di rilevare una trama stringente di relazioni con maestri e opere particolari u abbia rivolto le proprie attenzioni ai pittori fiorentini più affermati, come il Cigoli (Ludovico Cardi), il Passignano (Domenico Cresti), Da Empoli (Iacopo Chimenti), Cristofano Allori, dall'altro abbia saputo interloquire u modo sottile e maturo coi piùgiovani Anastagio Fontebuoni, Matteo Rosselli, Giovanni Bilivert. Pierre Dumonstier (Francuski umjetnik, 1545.-1610) | Desna ruka Artemisia Gentileschi, koja drži četkicu, 1625. i završio 1620. Gentileschi lasciò Firenze per rientrare a Roma, golubica nel marzo del 1621 risiedeva col marito e la figlia in appartamento in via del Corso.Durante questo soggiorno capitolino la pittrice guardò con rinnovato interesse all'arte di Simon Vouet i Annebale Carracci🎨, Guido Reni🎨 e, soprattutto, il DomenichinoDomenico Zampieri) .Alla prima metà del terzo decennio possono essere ricondotte alcune opere di grande qualità della Gentileschi, talune in modo certo.Nel 1622, infatti, la Gentileschi firmò e datò zbog dipinti. Il Ritratto di gonfaloniere, figura intera, delle Collezioni comunali d'arte a Bologna: mirabile pezzo di bravura, u cui la sopraffina tecnica naturalistica della Gentileschi i messa al servizio di un'effigie autocelebrativa affollata di simboli del potere (tra l'altro, l'unico esemplare rimasto della sua attività ritrattistica, che čisto, giuste le fonti sei e settecentesche, doveva essere tra i pezzi forti del suo repertorio); Kuća u Stamfordu u BurghleyuLincolnshire), a autografija nije uključena u univerzalnu akreditaciju. U 1623-1626. Artemisia Gentileschi | Giuditta con la sua ancella | Institut umjetnosti u Detroitu
  • la Giuditta con l'ancella, dell'Institut za umjetnost iz Detroita, spettacolare tour de force chiaroscurale i coloristico, nonché testimonianza eloquente delle sottigliezze pripovijest che la pittrice sapeva profondere nella visualizzazione dei temi biblici prediletti;
  • e la languorosa e melanconica Maddalena penitente della cattedrale di Siviglia🎨, che Fernando de Ribera, duca di Alcalà, aveva portato con sé nella città spagnola all'incirca nel 1631, di ritorno da un lungo soggiorno, Roma prima ea Napoli poi, nel corso del quale aveva ricoperto cariche politiche di primissimo klavir.
Tra 1627. i uspješno je završio u Gentileschi risiedette a Venezia. U međuvremenu ćete naći mjesto u kojem ćete naći sve što trebate učiniti, a možete se poslužiti i prestižnim mjestom za obilazak osobnih umjetničkih djela. U Veneciji možete uživati ​​u rijetkim vinogradima, kao što su Oñate, Iñigo-Vélez de Guevara. , il pagamento di una tela (perduta) dipinta po Filipu IV, rafigurante Ercole e Onfale (Ward Bissell, 1999, str. 146) .Talas risultanze storiche, peraltro, non fanno riscontro opere pittoriche riconducibili con sicurezza quel torno di tempo. Naročito, sembra costituire un riflesso abbastanza tangibile della diretta esperienza veneziana compiuta dalla Gentileschi, la raffinatissima Venere dormiente della Piasecka Johnson Zaklada di Princeton, s l'influsso di Tiziano è ben p p p.golub sarebbe rimasta fino al 1638 oko): quell'anno datò e firmò la grande Annunciazione oggi conservata nel Museo di Capodimonte, di cui ne serta la provenienza originaria.Dalla città partenopea, nello stesso 1630, la Gentileschi cominciò una corrispondenza piuttosto fitta con Cassiano Dal Pozzo (che si sarebbe protratta anche negli anni uspjeh) atraverso la quale, tra l'altro, cercò vanamente di gettare le basi per un rapido ritorno a Roma.Nonostante in molte delle sueindirizzate, oltre che a Cassiano, a Galilei, ad Andrea Cioli, segretario di Cosimo II i poi di Ferdinando II de 'Medici, al celebre collezionista messinese Antonio Ruffo, Francesco I d'Este) Ako je potrebno, napišite sve što ste zaključili, i napustite mjesto na Napoli kako biste utvrdili da li se radi o gradu, a Gentileschi guadagnò ben presto una posizione di spicco nel contesto artistico locale, interagendo proficuamente con la maniera dei migliori pittori di storia attivi cola nel terzo i quarto decennio del secolo (Giovanni Battista Caracciolo, Massimo Stanzione, Jusepe de Ribera🎨, Paolo Finoglio, Francesco Guarino) .L'altro punto fermo cronologico, nella prima metà del quarto decennio, a costioito dall'aulica rappresentazione di Clio, musa della Storia di collezione privata (ripr. u Orazio e A. Gentileschi, br. 75, str. 400)), podataka iz baze podataka 1632. Vengonska ancora generalmente ricondotti zadatak primo soggiorno napoletano alcuni dipinti accomunati dalla fattura sontuosa, lo stile alto e l'impaginazione elegantemente teatrale: Ester e Assuero del Metropolitan Museum u New Yorku; Corisca e il satiro, firmato, di collezione privata; Kleopatra, pure di collezione privata.La Nascita del Battista🎨, Madrid, Museo del Prado (firmata), eseguita all'incirca iz il 1633-1634, licemjerje parte di un ciclo sulla vita del Battista, probabilmente provizije za contro di Filippo IV dal viceré di Napoli, il conte di Monterey Manuel de Guzmán, del Buen Retiro. Sve sobe su opremljene sa telefonom i besplatnim bežičnim internetom.konzervat al Museo del Prado) e una da Finoglio (perduta). Simon Vouet (Francuski slikar, 1590.-1649. Portret Artemisie Gentileschi, 1623.-1626. Godine. Fra le commesse di maggior rilievo che la Gentileschi i guadagnò nei primi anni napoletani, sono le tre grandi tele per la cattedrale di Pozzuoli, eseguite quasi sicuramente tra il 1635-1637, che costituirono di gran lunga i suoi cimenti più impegnativi nell'ambito delle pale d'altare: un genere che fino all'approdo partenopeo non aveva avuto occasione di praticare e che, dopo le tele per Pozzuoli, sarebbe nuovamente uscito dal suo orizzonte produttivo.I tre dipinti, il cui andamento stilistico non del tutto omogeneo u paso a fatti fiorire variegate ipotesi di collaborazioni con altri pittori, rappresentano i Ss. Procolo i Nicea, il S. Gennaro nell'anfiteatro di Pozzuoli (entrambi oggi nel Museo di Capodimonte) e l'Adorazione dei magi (pogled na Museo nazionale di S. Martino a Napoli) .Le opere facevano parte di un progetto più ampio di decorazione pittorica del coro della cattedrale, voluto dal nuovo vescovo Martín de León y Cárdenas dopo la grande eruzione del Vesuvio del 1631, e portato termine entro il 1640.I lavori videro coinvolte molte osobna špicco della scena artistica partenopea, iz cu Stanzione e Giovanni Lanfranco. Intorno al 1636-37, poco la la Gentileschi si trasferisse a Londra per circa un biennio, si pu infine collocare la grande tela raffigurante David che spia Betsabea, muzej umjetnosti di Columbus (Ohio). Tema teme, nel corso del decennio uspješno, la Gentileschi avrebbe realizzato varie redazioni autografe (Potsdam, Sanssouci, Neues Palais; Firenze, Galleria Palatina(više) sve što je potrebno za potvrdu, a to je zadatak da dobijete zadanu verziju, da biste dobili finu boju kože i da biste mogli sastaviti sastojke za testiranje i testiranje u cijeloj Bernardo Cavallino.fra il 1638-1640), la Gentileschi si risolse ad accogliere, po kvantu poco entusiasticamente, un invito formato da Carlo I d'Inghilterra per il tramite di uno dei fratelli di lei, Francesco, anch'egli pittore. Recite, ako ste, presso la corte reale inglese, sulle orme del padre Orazio, che allora versava u precarie condizioni di salute i che Londra sarebbe morto il 7 febbr. 1639.Del periodo inglese della Gentileschi (una ghiotta occasione professionalale iz ekonomije che non diee però grandi fruttila testimonianza più plausibile dev'essere considerata l'Allegoria della Pitturaritenuta un Autoritratto già u inventari seicenteschi), oggi parte della Collezione reale conservata u Londonu, Kensingtonska palača.Allo stato attuale delle conoscenze, sembra invece da ritenersi poco probabile la molte volte prospettata collaborazione della Gentileschi col padre nella decorazione pittorica della Queen's House u Greenwichu, quasi sicuramente già terminata nell ' ottobre del 1638 (Finaldi - Wood, u Orazio e A. Gentileschi, str. 228 s.) .All'incirca nel 1640-41, la Gentileschi fece ritorno a Napoli, dove condusse la fase estrema della sua esistenza.Si possono daleko risalire al periodo conclusivo della sua attività le zbog verzije di Giuditta con l'ancella di Cannes, Musée des umjetnost lijepih umjetnosti, di Napoli, Museo di Capodimonte; la Susanna e i vecchioni della Galleria morava di Brno, firma i podaci 1649, i delikatesni olio rafigurante la Madonna col Bambino (El Escorial, Casita del príncipe), firmata.Sugli ultimi anni della Gentileschi, più delle opere sicure, sono alcune lettere a recares interessanti elementi conoscenza (u esse i trova anche menzione di dipinti per lo più perduti). Posebna ponuda za kupnju je povremena i privremena, a Antonio Ruffo di Messina (A. Gentileschi / Agostino Tassi. Atti…, str. 167-173; Garrard, 1989, str. 400 s.).
Lo scambio di missive fra i zbog fu particolarmente fitto tra l'inizio del 1649 e la fine del 1650. Il Collezionista versó più riprese denari alla Gentileschi per una Galatea, prima, e per una Diana al bagno, poi; e le predložiti Anche di dipingere, u Giudizio di Paride e di nuovo una Galatea, za neupotrebljivu naknadu, čista messinese.La corrispondenza iz Gentileschi e don Ruffo costituisce uno strumento prezioso po mettere a fuoco la personalità energica e sin quasi battagliera della Gentileschi, obrađena je s popisa kvalificiranih osoba koje su se bavile prevođenjem orgulja i lijekova u potrazi za zaštitom od bolesti koje su osnažene umjetničkim djelovanjem. Una Susanna ei vecchioni di proprietà di Averardo de 'Medici, Firenca, recava la data 1652.Dovrebbe essere quello l'anno di morte, se il volume Cimiterio, epitafij giocosi di Giovanfrancesco Loredano e Pietro Michiele, pubblicato a Venezia nel 1653, conteneva zbog epitaffi irriverenti e sarcastici a lei riservati. | Luca Bortolotti © Treccani, Dizionario biografico degli italiani


Gledaj video: Who was Artemisia Gentileschi? National Gallery (Kolovoz 2020).

Загрузка...

Pin
Send
Share
Send
Send