Talijanski umjetnik

Mario Mafai | Rimska škola




Mario Mafai (12. veljače 1902. - 31. ožujka 1965) bio je talijanski slikar. Sa svojom suprugom Antoniettom Raphaël osnovao je pokret moderne umjetnosti Scuola Romana, ili rimska škola.
Mafai je vrlo rano napustio školu, preferirajući da prisustvuje, sa Scipioneom, Scuola Libera del Nudo, ili slobodnom školom golih, iz Accademia di Belle Arti di Roma. Tih godina utjecao je na rimske galerije i muzeje, te na Knjižnicu likovnih umjetnosti u Palazzo Venezia.
Upoznao je slikara i kipara Antoniettu Raphaël 1925. i oženio se. Godine 1927. Mafai je prvi put izlagao izložbu studija i maquettes u organizaciji Associazione Artistica Nazionale u Via Margutta.




Godine 1928. održao je drugu izložbu, na XCIV Mostra degli Amatori e Cultori di Belle Arti, kao i kolektiv sa Scipionom i drugim slikarima, na Konvenciji mladih slikara u Palazzo Doria 1929. godine.
U studenom 1927. Mafai i Raphaël preselili su se u 325 preko Cavoura u Rim i tamo napravili studio. U kratkom vremenu postalo je mjesto susreta pisaca poput Enrica Falquija, Giuseppea Ungarettija, Libero de Liberoa i Leonarda Sinisgallija, kao i mladih umjetnika Scipiona i Renata Marina Mazzacuratija.
































MAFAI (Mafai Volpe), Mario - Nacque a Roma il 12 febbr. 1902 da Eleonora De Blasis, izvorni grad Sant'Angelo presso Pescara, e da padre ignoto.
Srodan s Mafaiem, koji se bavi time što se bavi time i koji se odnosi na nasilje, a to je sve što je potrebno. Solo molto più tardi, nel 1934, Mario Volpe, sve je komplicirano za romsku zajednicu, u piazzi dell'Indipendenza, lalbergo Salus, gli diee il suo cognome. U seguito al riconoscimento perse il cognome di Mafai, ma gi n nel 1935, con regio decreto, za autoriziranje i anteporlo al cognome Volpe.
Dopo le scuole elementari e le seconderie inferiori, il giovane Mafai fu iscritto na sveučilišne znanstvene studije; mate difficoltà u matematika lo spinsero trasferirsi all'istituto tecnico, po diventare perito edile. Intanto, g inta intorno ai quindici anni, era era manifesta in lui la vocazione artistica, coltivata Frequando i corsi serali della scuola preparatoria all arti ornamentali del Comune di Roma.
Nakon što se pojede po izboru i ukrasu, Antonino Calcagnadoro, koji se nalazi u dvorištu discipline, može se održati u ornitološkom parku. Od 1921. do 1921. godine mijenjam neuspjelo rješavanje problema kada je riječ o definicijama koje se odnose na nastavnike i nastavnike na kontinuirani način. Hotel je poznat po popularnim znamenitostima i znamenitostima kao što je Akademija britanice, u Margutti, u Francuskoj akademiji za medije, te u Villi Medici.
Dana 4. ožujka 1922. godine služio je službeni servis, koji je ujedno bio i službenik romske nacionalnosti, a koji su također bili spremni za rad. Sve usluge koje se održavaju od 10. siječnja 1924. do danas, mogu se naći u licenciranom razdoblju od 12 godina. 1923.
Nella primavera del 1924 konoba Gino Bonichi (che dal 1929 si firmerà Scipione), del quale aveva sentito parlare con entusiasmo da un commilitone. Lo and a trovare nella sua abitazione al quartiere Prati, dove il ventenne ex atleta, già malato ai polmoni, viveva con la famiglia; l'incontro segnò l'inizio di un sodalizio durato quasi dieci anni, fino dalla morte prematura di Scipione nel 1933.
A quell'epoca Bonichi, più giovane di due anni, già disegnava da autodidatta; ma il Mafai lo incagagy a seguire dei corsi regolari.
Uživajte u čarima slobodnog vremena i bezbrižnosti u cijeloj Akademiji za umjetnost preko Ripetta, doveo sam Mafai ritro il suo maestro Calcagnadoro. Uživajte u studiju i posjetite Mimì Lazzaro i uživajte u mafijaškom stilu u kojem ćete uživati ​​u miru i tišini.a lui il Mafai dedicò un Autoritratto, di gusto fauve, dipinto intorno al 1928, conservato a Roma in collezione privata e riprodotto u Appella et al., sl. 1), i Enrico Franciskakis, koji je oduševio Mafai, a zatim je prešao u interdisciplinarne studije (1928: Romi, kolekcija delova kamere), opera che denuncia l'attenzione verso la pittura dell'École de Paris.

Tra la fine del 1924 i gennaio 1925 ebbe luogo l'altro incontro fondamentale nella vita del Mafai: quello con Antonietta (Antoinette) Raphaël alla scuola libera del nudo.
Originaria di Ka innas u Litvaniji, Antonietta Raphaël aveva vissuto po circa vent'anni Londra, golubica era giunta con la madre nel 1905, dopo la morte del padre, il rabbino Simon. Diplomatas u pianoforte alla Kraljevske akademije za glazbu, alla morte della madre lasciò Londra po Parigi, da dove poi si recò romski portando con sé pochi oggetti d'affezione, che si ritroveranno più volte raffigurati nei suoi quadri e u quelli del Mafai. Colta, esuberante e cosmopolita, Antonietta (nata probabilmente nel 1895, era comunque maggiore del Mafai) incarnò agli occhi dei zbog giovani, il Mafai e Scipione, il fascino dell'esotico e della bohème, riunendo in sé l'inclinazione visionaria i il misticismo del mondo orientale ed ebraico, all'atmosfera internazionale di Londra e Parigi.
Od 1925. do 1927. godine, nedavno je otvoren Mafai i Scipion, a najvažnije je posjetiti studio u F. Ferrazziju, gdje se može vidjeti i posjetiti Biblioteca di archeologia i čuvati u palači Venezia.
Andando con la memoria i quegli anni, il Mafai ricorderà (u Martinelli - Recupero - Velani, str. 18): "Chi sapeva di Goya, Velásquez, Breughel i Piero se ne nalaze u blizini restorana? E poi la pittura moderna: un vero giardino di delizie. Che Qui che trovammo Chagall, Kokoschka, a qui che ci mettemmo contatto con la pittura di Parigi. La biblioteca era bene aggiornata. Negli antichi ricercavamo certe nostre aspirazioni; po esempio uno spirito metafisico che andava fino al favoloso. Perciò gustavamo molto certi particolari del Parmigianino di Bosch, dei trecentisti minori, di Breughel e ne facevamo commenti ".
Se u biblioteci i zbog impresioniranja koncesije i maestri del passato, compreso El Greco (studijat anche dal vero sui dipinti conservati Roma nella Galleria Corsini, oggi presso la Galleria nazionale di Palazzo Barberini,, po kvantitativnoj vrijednosti i interesu u Parizu, ako je riječ o pariškom parku, to je mjesto gdje se nalazio Raphaël, a ne Maurizio Fagiolo dell'Arco: "Entrambi devono molto a Antonietta [(] che porta nella loro imagerie i drappi e il rosso, il nomadismo e le deformazioni, l'icona e la veduta visionaria" (Fagiolo dell'Arco - Rivosecchi, 1986, str. 9); e Fabrizio D'Amico osserva: "atraverso di lei, atraverso una pittura ancora immatura ma gi agresivna, o semplicemente attraverso le sue parole, Kisling, Chagall, Soutine, Utrillo, soprattutto Modigliani e Derain, entrano a daleki dio del panorama Scipione e di Mafai" (D'Amico - Goldin, str. 17).
Secondo una tarda testimonianza di Di Di Cocco, nel marzo 1925 il Mafai e Bonichi esordirono alla III Bijenale romana grazie all'appoggio di C.E. Oppo, che li fece esporre fuori catalogo (G. Appella i sur., Scipione 1904-1933 [catal., Macerata], Roma 1985, str. 133). Učinite sve što vam je potrebno, ali uskoro će vas zanimati Sul Mafai i Scipione uspjeh 1985. godine, kao što je to bio slučaj, i to je to što su Oppo fu tra i sostenitori dei zbog giovani.
Nel luglio 1925, u zagrebačkoj zgradi, Antonietta Raphaël, koja je u potrazi za Romima u Rimu u Toskani. Fra lei e il Mafai fu l'inizio di un rapporto difficile i burrascoso, destinato però, sia pure con alti e bassi, a durare tutta la vita (Antonietta morì a Roma nel 1975, dieci anni dopo il Mafai).
Il 2 febbr. 1926. god (Miriam).

U autentičnom, Mafai e Scipione conobbero alla scuola libera del nudo il giovane artista emiliano R. Mafai Mazzacurati, il quale, da poco giunto Roma, lavorava vila Strohl-Fern nello studio che Di Cocco condivideva con Arturo Martini.
Nel 1927 il Mafai partecipò al concorso per il Pensionato artistico nazionale, ma non fu ammesso. U maggio espose all'Opera kardinal Ferrari con Scipione, Di Cocco e G. Ceracchini e u novembre alla mostra di studi e bozzetti organizzata dall'Associazione artistica nazionale di preko Margutta. Semper in novembre si trasferì ad abitare con Antonietta e Miriam, al. 325 di via Cavour, zbog dugogodišnjeg boravka u Colosseou, sve je to klavir i pizzeria umbertino po demolito u blizini spazio alla via dell'Impero (poi dei Fori Imperiali).
La coppia vi rimase appena zbog jednog dana u Parizu, 1930 .; tuttavia i dall'indirizzo della loro casa-studio che R. Longhi je napisao / la 1929 la definizione di "scuola di via Cavour", un'etichetta destinata a grande fortuna, sertifikat u modo bonario e scherzoso, vidik la giovane età dei komponenti i modesto appartamento nel quale lavoravano.
Nella primavera del 1928 il Mafai prezenta alla XCIV Esposizione di belle arti della Società amatori e kultori zbog quadri: Giovane e arancio e Case disabitate, dei quali non si ha piùnizia. Il primo, tuttavia, noto da una riproduzione, rivela il gusto dei primitivi, da Giotto a Masaccio.
Il 5 luglio nacque a Roma la secondogenita, Simona.
Il 1929 fu un anno važan za il Mafai, ja cu lavori iniziavano a essere notati dalla critica. U općoj skupštini se nalazi većina giovana pittori romani, indetta dall'associazione Il Convegno, prezentata da C. Pavolini i allestita u palači Doria, nelle prodaja del Circolo di Roma.
Uživajte u šetnji Scipione, Ceracchini, Che fu anche uno degli organizzatori, e Di Cocco. Usklađen je s uspjehom, a raznovrsne su opere tra le quali un Autoritratto del 1928 (Firenze, kolekcija Alberto Della Ragione: La raccolta Alberto Della Ragione, Firenze 1970, sl. 59), proposito del quale il poeta L. De Libero (str. 8) dirà più tardi che "s'era dipinto lucido e mordente che odorava ironicamente un fiorellino", Ritratto di donna acquistato da Margherita Sarfatti, un Colosseo e altre vedute Romane. Oppo, recensendo la mostra sul quotidiano Izvor: La Tribuna del 27 genn. 1929, po primarnim dokazima o afinitetu iz Mafai con la pittura francese di matrice antimpressionista, mettendolo però u čuvanje sia da deformazioni eccessive sia dagli eccessivi riferimenti ai modelli del passato. Durante il Ventennio fascista, però, parte della critica giudicherà "disfattista"l'opera del Mafai, proprio a causa di certe deformazioni e delle aperture verso l'arte europea.
U marzo, alla I Mostra del Sindacato laziale fascista degli artisti, allestita u palazzo delle Esposizioni i promossa da Oppo, il Mafai predstavio zbog opere, Tramonto e Tramonto sul lungotevere (ripr. u Martinelli, figg. 18 s.), nella sala che accoglieva l'esordiente Raphaël (Paesaggio), Scipione (Tramonto), lo stesso Oppo con sette quadri, A. Bartoli con sei, A. Ziveri con Case e W. Biagini con cinque dipinti. Vi erano, inoltre, le sculture di A. Biagini i Arturo Martini.
Najljepši pogled na rijeku je Longhi sul settimanale L'Italia letteraria del 14 apr. 1929. (str. 4): "Rimangono le misture piùsplosive. Proprio sul confine di quella zona oscura i sconvolta dove un impresionizam downpito si muta u allucinazione espressionista, u kabala e magia, stanno difatti i paesini sommossi e virulenza bacillare del Mafai, la cui sovreccitata temperatura [(] potrebbe inscriversi al nome di un Raoul Mjesto je udaljeno od mjesta Antoinette Raphael, a od hotela se ne može doći do hotela Mafai, a sve to možete učiniti ako posjetite hotel ili kafić s pogledom na more. Cavour ", potreban za ocuvanje i ocuvanje raida".


U giugno, Roma, il Mafai partecipò con zbog quadri, Adamo ed Eva (ripr. u Martinelliju, sl. 21) a un paesaggio, alla CLIX Esposizione collettiva alla casa d'arte Bragaglia e in autunno inviò zbog opere alla III Mostra marinara d'arte.
Importanti, in questi anni, sono anche i contatti che il Mafai e Scipione stabilirono con l'ambiente letterario, tra gli altri, con De Libero, G. Ungaretti, A. Beccaria, L. Sinisgalli, A. Santangelo, E. Falqui ed E. Montale.
Il 13 genn. 1930. god. Je Roma na terasi i ultimnoj figuri, Giulia. U febbraio il Mafai predstavio alla II Sindacale del Lazio quattro dipinti, tra i quali un Autoritratto (1929: Collezione privata, ripr. u Fagiolo dell'Arco - Rivosecchi, 1988, sl. 134) nell'atteggiamento düreriano del malinconico, con la tempia appoggiata i una mano e la matita nell'altra. Ai primi di marzo il Mafai e Antonietta Raphaël partirono po Parigi, lasciando le figlie dalla nonna paterna. Kada je Romi u Rimu, Antonietta je svatko pojeo po kvazi quattro anni, ai za vrijeme boravka u gradu Parizu i Londru, dođite u posjetu Jacobu Epsteinu.
Tornò definitivamente Roma solo dopo la morte di Scipione, avvenuta il 9 nov. 1933. Il Mafai, invece, alternò ai soggiorni parigini lunghi periodi u Italiji i suradnja, fra l'altro, con articoli e disegni a rivište quali L'Italia letteraria e Fronte; di quest'ultima, fondata nel 1931 dall'amico Mazzacurati, uscirono solo zbog numeri.
Nel novembre 1930. g. Je proglašen galleria di Roma diretta da P.Mafai Bardi l'importante doppia personale del Mafai e di Scipione, con una ventina di opere ciascuno.
Mafai, rientrato po l'occasione dalla Francia, espose dipinti degli anni prethodnih e quadri recenti, eseguiti a Parigi, i quali denunciano l'affacciarsi di nuovo interesse verso i valori atmosferici cari alla pittura impressionista. L'esposizione suscitò vivo interesse e numerose attestazioni di stima, se ne proprio di piena condivisione, da parte di alcuni fra i maggiori critici, dolaze Oppo, P. Mafai Bardi, Pavolini, A. Francini, F. Trombadori, V. Guzzi, Mafai Biancale, A. Neppi i R. Melli.
Nel gennaio 1931 il Mafai espose tre quadri alla I Quadriennale di Roma, ma avendo appena sostenuto lo sforzo della personale, non si presentò al meglio; in settembre zbog sue opere furono incluse in una mostra itinerante del "Novecento italiano", organizirati da Margherita Sarfatti, da je Stoccolma proći u Helsinkiju i dopustio Oslo, u novoj izložbi izložbe suvremenih talijanskih slika, izložena je Baltimori i izložena je u starom gradu.
Al Principio degli anni Trenta, intanto, il Mafai era entrato u una nuova fase creativa, segnata da un rinnovato interesse per la luce, che attraverso la riflessione sull'opera di Filippo de Pisis i Giorgio Morandi lo condusse a una visione lirica e meditativa della realtà, resa schiarendo i toni e rendendoli vibranti. Ostavite odgovor na ovu temu da biste dobili podatke o isporuci. Dipinti, inizialmente, al sole, i fiori segnano infatti, anche simbolicamente, il passaggio dagli impasti tenebrosi derivati ​​dall'influenza dei maestri antichi i una pittura chiara e costituisconoun sorta di rassegnate elegie che parlano della morte vitale ovvero della vita agonizzante" (Fagiolo dell'Arco, 1989, str. 16).
Nel 1932 predstavio je nove dijamante III Sindacale del Lazio, koji su se sastojali od biskupije, Venecijanskog bijenala. Alla uspjeh edizione, nel 1934, espose zbog quadri di fiori e un autoritratto.
Negli anni 1933-34 il Mafai fu impegnato a dipingere alcuni dei suoi capolavori, dolaze Donne che stendono al sole, del 1933 circa (collezione privata: ripr. u Appella et al., sl. 13, Nudo u riposu, del 1933 (Romi, Galleria nazionale d'arte moderna, La Pézione di Piano, del 1934 (collezione privata, ripr. ibid., sl. 15), oltre alla già ricordata serija dei Fiori. Nel 1935 questi dipinti furono tra quelli prezenta alla II Quadriennale di Roma, dove il Mafai ebbe una sala personale nella quale espose ventinove opere. Tražite ilustrator romske zajednice Donne che si spogliano, del 1934 (Romi, Galleria comunale d'arte moderna e contemporanea), un quadro intenso e allucinato, quasi un omaggio a Scipione.
L'autopresentazione in katalogo (str. 35) contiene una lucida dichiarazione di poetica, tra realtà e metafisica, che preannuncia anche gli sviluppi futuri della sua pittura:Iznesite više informacija o tome što niste znali, a što znači da ćete morati voditi računa o tome da li ste spremni za pomoć u izradi; questo mi sembra necessario [(]. lavoro serio e responsabile [(] piùumano che estetico, più vivo che accademico". Da biste pronašli ovu stavku, učinite to prije nego što počnete s 5000 godina, ali možete koristiti rafforzata.
Il 20 luglio 1935 sposò a Roma, con rito civile, Antonietta Raphaël.
Nel febbraio 1936. Predložite četvrti kvartal svečanosti VI Sindacale del Lazio i pridružite se XX. Bijenalu Venecijanske konvencije. U autentičnom mafijaškom izdanju nalazi se svečani klavir teras della casa della Gioventù italiana del littorio (GIL), a Trastevere, progettata dall'architetto Luigi Moretti. All'esecuzione della grande pittura murale sul tema del Trionfo di Cesare, scialbata dopo la guerra i nota attraverso fotografie, collaborarono Antonietta Raphaël, Ziveri e Mazzacurati.
Nel gennaio 1937 il Mafai tenne un'importante personale presso la galleria della Cometa, diretta dall'amico L. De Libero.

Presentato da Emilio Cecchi, espose, oltre brojne vedute di Roma intitolate Paesaggio romano, anche raznolik Demolizioni, ungetgetto ispirato, ne senza polemica, agli sventramenti che il režim fascista stava compiendo. All'epoca, tuttavia, la valenza critica insita in queste opere non fu percepita, anche perché il režim stesso incagagava a documentare quanto andava scomparendo. U travnju ove godine VII Sindacale del Lazio predstavio je opere, delle quali Demolizione di via Giulia (1936: Romi, Galleria comunale d'arte moderna e contemporanea) fu acquistata dal Governatorato.
Između 1937, i F. Ferrazzi, otada je akademija u Italiji premijera od 2500 lira, kao i C. Cagli e F. Pirandello.
Nel 1938 alla XXI Bijenale u Veneciji gli fu riservata una sala con Ziveri, un accostamento značajan, che evidenziava la svolta realista u atto nella pittura italiana.
Espose nove dipinti, tra i qua l'autoritratto La comparsa, del 1937 (Roma, zbirka Claudio e Elena Cerasi: ripr. u Mafai Fagiolo dell'Arco - V. Rivosecchi, La Scuola romana nel Novecento. Collezione Claudio e Elena Cerasi, Milano 2002, str. 73), većina je najistaknutijih avisaglie di ritorno all'espressionismo dopo un periodo u cui, sia pure in modo indipendente, il Mafai aveva partecipato alla fase tonale della Scuola romana.
Nel febbraio del 1939 partecipò, solo con un paesaggio eseguito circa dieci anni prima, alla III Quadriennale di Roma. In luglio espose un'opera nel padiglione italiano alla Esposizione universale di New York e u agosto, presentato da C.L. Ragghianti, privatni vlasnici u Arcobaleno di Venezia. In quell'occasione espose le prime Fantasie, col titolo Scherzo, un serie che attraverso strane procesije di maschere e grovigli di nudi, memori di F. Goya, J. Ensor e G. Grosz, preannunciava i massacri della guerra. U doslovno bogatom bogatstvu došlo je do oporavka i razvoja Filippa Corridona iz Macerate, golubice rimase, tranne brevi soggiorni a Roma e Genova, fino al dicembre 1942, quando fu posto in congedo illimitato.
Po cijeloj cijeloj prijavi možete pronaći sve što vam je potrebno u studenom 1939. godine u obitelji Genova, a nakon toga možete pronaći sve što je potrebno za dolazak u Emilio Jesi i Alberto Della Ragione. U dijaleku se nalazi Mafai partecipò u Milano alla seconda mostra di Corrente alla galleria P. Grande. Nel gennaio 1940 tenne una personale alla galleria Barbaroux di Milano; u travnju predstavljam Romu alla IX Sindacale del Lazio; u autunno, tra molte polemiche, vinse con Modelli nello studio (1940: Milano, Pinacoteca di Brera) premijera Bergamo (pari 25.000 lira), allora il concorso umjetnika di Maggior prestigio u Italiji, dopo la Biennale di Venezia e la Quadriennale di Roma.
Nel marzo 1941 a Genova, presso la galleria Genova, nudi smještaj u privatnoj kući Mafai Marini. Nel 1942 pubblicò alcune lettere inviategli da Scipione i la celebre raccolta di pensieri intitolata Il pittore, l'uomo, le pere, nel fascicolonn. 25-27, gennaio-marzo) della rivista di Curzio MalapartePaura della pittura". Nello scritto il Mafai dokazuje difficoltà che l'artista contemporaneo incontra nel ritrarre la figura umana, mentre appare a proprio agio di fronte agli oggetti. U aprilu roma espose tre paesaggi alla X Sindacale del Lazio. Secondo la testimonianza della figlia Simona (u Fagiolo dell'Arco, 1994, str. 29, semper nel 1942, a Genova, u piena clandestinità, il Mafai aderì al Partito comunista italiano (Svi apartmani su smješteni 1956. godine u mjestu Ungheria).
Nel 1943 uscì, nella collana "Quaderni del disegno contemporaneo" edita dalla galleria della Spiga e Corrente di Milano, il volumen Mafai: 24 disegni i una tavola colori, con prefazione di A. Santangelo. Rom se nalazi u marzo con Giacomo Manzù alla galleria dello Zodiaco, prezentato da Alberto Moravia; e u maggio partecipò alla IV Quadriennale con zbog paesaggi e un Autoritratto (Romi, Galleria nazionale d'arte moderna), potraga za kulturom za 15.000 lira. U susretu rientrò con la famiglia a Roma e nell'agosto 1944, poco dopo la Liberazione, partecipò con sei Fantasie e una copia da E. Delacroix della Libertà che guida il popolo alla mostra "Arte contro la barbarieprom44 promcipòiv da Enrico Prampolini e Josef Jarema Nel marzo del 1945 pubblicò nella rivista Rinascita, diretta da P. Togliatti, l'importante scritto dal titolo Mogućnosti za un'arte nuova, col quale intervenne nel dibattito, allora di grande attualità, riguardante il rapporto tra forma e contenuto, auspicando il ricorso a soggetti più espressivi, ma insistendo sul fatto che, comunque, for la forma quella che pretpostavlja il signifikantni maggiore u un'opera d'arte.


Kao partner od 1944. godine, dobivate dopunsku doplatku za mafijaške intimne lutke, djelujući u kolicima i osobnim osobama koje su u privatnom vlasništvu, u Italiji.
Nel 1948, Rom, ilustrirao je sveučilišno djelo umjetničkog figurativnog, samostalnog autonomnog Quadriennale, predstavio XXIV Biennale u Veneciji gli dedicava una mostra antologica con opere dal 1938 al 1947, predstaviti u katalogu da Giuseppe Marchiori. Nel 1949 uscì presso De Luca la monografia di L. De Libero a lui dedicata.
Negli anni Cinquanta l'attività espositiva proseguì intensa; Mafai ottenne anche numerosi riconoscimenti tra i quali, nel 1955, i premijera del Comune di Roma di 1.000.000 di lire alla VII Quadriennale. Nella prima metà del decennio la sua pittura rifletteva le problematika legat alla questione del realismo, centrale nella cultura italiana del tempo; To je dio 1956. godine, u suradnji s profesorima i profesorima koji se bave problematikom razmjene iskustava s partnerom, a Mafai je otvoren za osobne potrebe. Sveučilišni skup Biennale di Venezia del 1950, 1952 i 1954. godine. Romi iz 1951. godine ne znaju osobu da se bavi studijem u Palma.vi esporrà anche nelle zbog edizioni seguenti del 1955 e del 1959).
Nakon završetka utrke u Mafai, sve se nalazi u centru grada, a od 1957. do 1957. godine gosti mogu uživati ​​u tradicionalnoj galeriji La Tartaruga di Roma u predivnom Lionello Venturiju. ne postoji, a XXIX biennale u Veneciji, dove il Mafai, sempre prezentato da Venturi, espose diciassette dipinti, eseguiti tra il 1956-1958, sul tema dei Mercati e delle vedute di Roma, caratterizzati dal prevalere di čista, vibranti, tessiture cromatiche.
Ovdje možete pronaći sve što vam je potrebno za pisanje dokumentacije o dokumentima iz romske zajednice u La Tartaruga (1959), sve galerija Blu di Milano i Bussola di Torino (1960) i alla VI Bijenale San Paolo del Brasile (1961).
Nel 1959, nell'ambito della VIII Quadriennale di Roma,Sguardo alla giovane Scuola romana dal 1930 al 1945", kurata da G. Castelfranco e D. Durbé, nella quale furono esposti otto dipinti skladici del Mafai, riconosciuto ormai figura di spicco all'interno di quel gruppo ne omogeneo di artisti che va sotto il nome di Scuola romana.
Nel marzo 1964 tenne a Roma, presso la galleria L'Attico di Bruno Sargentini, prezenta da G. C. Argan, la sua ultima personale.
Ako ste zainteresirani za seriju Corde, možete se odlučiti za kupnju i čuvanje hrane i pića. U potrazi za mafijašima možete pogledati u katalogu (u Arganu) una premessa che, datum cirkulacije, pretpostavlja se da nije solo valorije ili ne, i da se radi o testiranom duhu: "Io non sono un altro. Ho soltanto rinunziato all'attaccamento affettivo verso le cose, all piacevoli tessiture, ai pittoricismi squisiti; sono diventato più libero, più nudo e più [o [(]. Ho cercato entro me stesso affidandomi all corde dolaze all nervation del mio essere po raggiungere uno spazio, una dimensione nuova, un linguaggio a me necessario, nel caso dovesse risultare autentico, lo ritroveranno anche gli altri".


Il Mafai morì a Roma il 31. ožujka 1965.
Alla fine dell'anno la IX u Quadriennale di Roma gli rese omaggio con una retrospettiva che riuniva diciotto opere storiche. Prezentacija je u katalogu V. Martinelli rivendicò con odluke a la statura europea del Mafai, contro chi voleva limitarne la portata fenomeno mjesto, legato alla città di Roma. Nel 1967 uscì la monografia dello stesso Martinelli, imprescindile punto di partenza po studiare l'artista, e nel 1969 si tenne a Roma, organizzata dall'Ente premi, la prima ampia retrospettiva. Nel 1984 con introduzione di G. Appella je objavio publikaciju o djelu Edizioni della Cometa il Diario 1926-1965 del Mafai; del 2004 il romanzo Il risveglio della bionda sirena. Raphaël e Mafai Storia di un amore coniugale di Enzo Siciliano, edito a Milano. | di Flavia Matitti © Treccani, Dizionario Biografico degli Italiani



















Gledaj video: Calvin Harris, Sam Smith - Promises Official Lyric Video (Veljača 2020).

Загрузка...